• +39 080 4033521
  • +39 080 4033521


Trattamento dati personali

Con la continua evoluzione della società moderna e, soprattutto, con lo sviluppo delle nuove tecnologie, si è avvertita, in maniera sempre più forte, l'esigenza di controllare come gli altri utilizzano le nostre informazioni personali.

In attesa dell'entrata in vigore del nuovo Regolamento comunitario - già approvato dalla Commissione Europea il 25/01/2012 - l'attuale normativa è costituita dalle disposizioni contenute nel decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e dai numerosi provvedimenti emanati dal Garante per la protezione dei dati personali.

Nonostante l'abolizione del Documento programmatico della sicurezza, ancora oggi permangono a carico di coloro che trattano dati personali una serie di obblighi la cui violazione può dar luogo all'applicazione di rilevanti sanzioni, anche penali.

Non bisogna dimenticare, infatti, che l'intero impianto normativo - ad eccezione dell'obbligo di redigere il D.P.S. - è rimasto pressoché intatto e, anzi, verrà rafforzato con l'entrata in vigore di una nuova e più incisiva disciplina.

Così, ad esempio, la mancata adozione delle misure minime di sicurezza è punita con l'arresto sino a due anni.

Anche infrazioni comunemente considerate "meno gravi" possono avere pesanti conseguenze. Si pensi, per esempio, all'obbligo di rendere agli interessati idonea informativa sul trattamento dei loro dati personali. Quotidianamente ci vengono fornite informative standardizzate - ottenute magari attraverso un copia/incolla di materiale reperito su internet - che già ad una prima lettura appaiono incomplete o, peggio ancora, non veritiere. Basti pensare che, in tali casi, la legge prevede l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 6.000,00 ad euro 36.000,00 per comprendere i rischi cui si va incontro.

Per maggiori informazioni sull'attività di consulenza e assistenza in materia di trattamento dati personali può utilizzare i recapiti indicati nella pagina contatti